domenica 13 maggio 2012

Le origini di questo blog e la dieta Dukan


Io combatto. Sempre e comunque. Con cosa? Con il raggiungimento del peso forma. Con la dieta. Con il cibo.
Sono passata da sottopeso a sovrappeso nel giro di un'estate (e avevo 10 anni) e ancora non sono riuscita a trovare il mio equilibrio (e ne ho 22).


Non è che non ci abbia provato. Solo che la mia forza di volontà si sgretola alla vista di qualsiasi cosa dolce mi passi davanti. E non parliamo di quello che succede con la pasta, il pane e la pizza.
Se facessi sport probabilmente non dovrei preoccuparmi tanto di quello che mangio. Ma se dovessi scegliere i due vizi capitali che mi rappresentano meglio (e chiunque mi darà ragione), sceglierei la gola e la pigrizia. Per cui lo sport non è mai stato tra le mie priorità. E se dovessi scegliere di essere rappresentata da un animale sceglierei il bradipo. Quale migliore creatura per rappresentarmi se non un animale che dorme tutto il giorno, si sveglia solo per mangiare e per andare al bagno?


Però sono arrivata al punto che non voglio più essere un bradipo.
Mi sono messa a dieta talmente tante volte e ogni volta non sono riuscita ad andare avanti per più di una settimana. Comincio la dieta, sto una settimana a stecchetto, perdo un chilo o due e poi mi stanco e mangio di nuovo. E riprendo tutto quello che ho perso. Oppure come ho fatto quest'inverno, sto a dieta durante la settimana e poi nel week end riguadagno tutto il peso perso. Che senso ha?
E, soprattutto, perchè faccio così?
Ho già detto che non resisto davanti ai dolci. Ma mi sono rimessa a dieta.


Tutti fanno la dieta Dukan, perchè non posso farla anche io?
Il libro del Sig. Dukan (so che è un dottore ma giuro è più forte di me non riesco proprio a chiamarlo dottore, per me che sono infermiera i dottori sono solo quelli che salvano la gente) mi ha aperto un mondo.


Partiamo dalle basi. La dieta Dukan si compone di quattro fasi. E già il fatto che sia una dieta lunga avrebbe dovuto scoraggiarmi!
Invece ho continuato a leggere e a documentarmi.
La prima fase è detta Attacco o Proteine Pure. Dura dai 2 ai 7 giorni in base al peso da perdere. Per chi deve perdere meno di 4kg l'attacco può durare anche un giorno. In questa fase sono concesse solo Proteine Pure. Dimenticate pasta, pane, frutta, verdura e qualsiasi cosa che non sia espressamente contenuta nei 100 alimenti permessi da questa dieta.


La seconda fase è detta Crociera, e dura una settimana ogni chilo che si vuole perdere. Es. 5 kg= 5 settimane. Si possono inserire le verdure (solo quelle contenute nei 100 alimenti). Vanno però alternate. Le opzioni sono 2:
- 5 a 5: Alternare cinque giorni di sole proteine e cinque di proteine e verdure
- 1 a 1: Alternare un giorno di sole proteine e uno di proteine e verdure
Io personalmente preferisco la seconda, è più facile e più soddisfacente. Io non rispetto proprio l'alternanza, perchè e come se non contassi la domenica, quindi faccio martedì, giovedì e sabato proteine e verdure e il resto PP.


La terza fase è la più lunga. Dura dieci giorni per ogni chilo perso ed è detta Consolidamento. Qui si alternano sempre i giorni PV ai giorni PP, ma si cominciano a reinserire gli amidacei e la frutta. Ci sono due pasti amidacei a settimana e due pasti premio a settimana. Ovviamente devono essere abbastanza distanziati tra loro. Si può inserire una porzione di frutta al giorno e due fette di pane integrale per colazione.


La quarta fase è la VITA... Quindi si può tornare ad avere un'alimentazione normale, senza particolari eccessi, per sei giorni su sette. L'unica cosa che bisogna rispettare è un giorno PP alla settimana.


Quali sono gli obblighi di questa dieta? Evitare assolutamente i carboidrati di ogni tipo. No zucchero, no pane, no pasta, no frutta, no cereali. No anche ai formaggi stagionati (almeno nelle prime due fasi). Si a ricotta light, yogurt greco 0%, yogurt magro 0,1%, fiocchi di latte, latte scremato.
Obbligatori: 1,5 cucchiai di crusca di avena in fase di attacco, 2 in fase crociera, 3 in consolidamento.
Assolutamente essenziale: 1,5/2 litri di liquidi al giorno, sotto forma di acqua, te, caffè, tisane.
No succhi di frutta, si (con moderazione dico io) bevande gassate senza zucchero tipo Coca Cola Zero o Coca Cola Light.


Ma allora cosa mi ha spinto a iniziare questo blog?
Girovagando su internet ho trovato un libro scritto dal Sig. Dukan. La Patisserie Dukan. Completamente in francese. Perchè privare tutti coloro che fanno la Dukan senza sapere il francese di un piacere così grosso quale sono i dolci?
E, soprattutto, questo blog nasce dalla necessità mia personale di consumare dolci. Di trovare ogni volta qualche cosa di nuovo, anche salato, per sopravvivere a questa dieta. Io per adesso ci sto riuscendo.


E voi?

1 commento:

  1. mi piaccino le tue ricettine .le ho trovate guardando gnam gnam.seguo lei e il rifugio dell ingordo

    RispondiElimina